lunedì 21 maggio 2018

Servizi di welfare aziendale, la soluzione più efficace e conveniente per i metalmeccanici è di Day Gruppo UP


Iniziative di welfare aziendale si diffondono sempre più nelle imprese italiane, dopo l’introduzione delle agevolazioni fiscali della Legge di Bilancio 2016. Piani di welfare vengono implementati in aziende più grandi come in quelle più piccole, in quanto i benefici sono trasversali e riguardano tutti i lavoratori.
Sono 32542 i contratti che prevedono l’erogazione dei premi di risultato in welfare aziendale. In questo modo, i premi di risultato da riconoscere ai dipendenti sono totalmente detassati. Oltre a questa tipologia di piano di welfare e a quello su base volontaria da parte dell’azienda, ci sono le misure di welfare introdotte con i Contratti Collettivi Nazionali dei Lavoratori.
A fare da apripista è stato il CCNL Metalmeccanici del settore industria e dal 1°giugno partirà l’obbligo di adempimento del secondo contributo annuale di welfare. Il valore complessivo una tantum riconosciuto è di €150 per ogni dipendente. (Qui tutti gli altri CCNL che, come quello Metalmeccanico, prevedono quota di welfare nel 2018)


Chi ha diritto al contributo welfare?
Tempo indeterminato e tempo determinato (con almeno tre mesi di lavoro dall’inizio dell’anno, anche non consecutivi). Tutti i lavoratori in forza all’azienda metalmeccanica percepiranno i €150previsti.  Nel dettaglio, ogni azienda metalmeccanica dovrà provvedere ai lavoratori assunti dall'inizio di giugno 2018 o assunti entro il 31 dicembre 2018. Non ha diritto il personale in aspettativa non retribuita, né indennizzata nei mesi da giugno a dicembre. Collaboratori esterni o tirocinanti non hanno diritto al contributo.
I 150 euro previsti nel CCNL industria per le aziende metalmeccaniche non escludono l'introduzione di un piano di welfare. Si tratta di due misure diverse. Nel secondo caso, si beneficia di importanti vantaggi fiscali e si può implementare un piano di welfare con diverse modalità.
Un piano di welfare infatti prevede di mettere a disposizione beni e servizi per i dipendenti e le loro famiglie. Con un piano di welfare si migliora il clima aziendale e si attivano vantaggi fiscali sia per l’azienda che per il lavoratore. Anche i Premi di Risultato possono essere convertiti in welfare aziendale.
Uno dei provider più attivi nel settore, che ha iniziato la sua attività in Italia 31 anni fa è Day Gruppo UP. Già conosciuta per i suoi buoni pasto (molto diffusi e riconoscibili dal caratteristico colore verde), Day propone diversi servizi di benessere per i lavoratori e oltre al ticket buono pasto, il classico servizio sostitutivo di mensa, offre servizio di voucher shopping (Cadhoc) e il Welfare aziendale tramite portale digitale.
E proprio sul sito ufficiale Day Welfare sono specificate alcune nozioni sull’argomento che possono interessate tutti gli imprenditori che desiderano saperne di più sull’argomento welfare, benefici, sgravi fiscali e opportunità. Oltre alla lettura di alcune informazioni base, si può chiedere un confronto gratuito con uno specialista commerciale. A tal proposito, Day ha messo a disposizione una form per potersi registrare sul sito.
Day ha affrontato anche la questione del contributo welfare CCNL Metalmeccanico di €150. La quota prevista non è trattabile o derogabile. È compito delle aziende scegliere la soluzione ideale, che risponde alle esigenze dei dipendenti. Il Contratto Collettivo non indica, infatti la misura specifica da adottore, lasciando libere le imprese di decidere.
Bisogna quindi orientarsi verso una soluzione pratica ed economica, ma anche vantaggiosa per i beneficiari, quindi i lavoratori. La ratio della misura, infatti è quella di dare un contributo concreto che risponda a tutti i bisogni degli aventi diritto.
Attenzione, per buoni spesa non si intendono assolutamente buoni pasto, che rispondono ad una normativa differente e che possono essere già presenti in azienda. Il contributo welfare di €150 non è economico e non si aggiunge allo stipendio in busta paga. Il fringe benefit ideale è il buono shopping Cadhoc, strumento versatile che può rispondere alle esigenze di ogni tipologia di dipendente.
Si presenta sotto forma di carnet di buoni personalizzati, spendibili presso le più importanti catene di negozi nazionali o negli e-commerce più popolari. Cadhoc è un buono per fare la spesa, acquistare tecnologia, arredamento, abbigliamento, prodotti di profumeria, ecc. Inoltre, può diventare buono carburante o voucher albergo.
È esente da IVA, ma l'importo nel corso dell'anno non può superare la soglia di esenzione di 258,23 euro. Rientra pienamente nella quota welfare di €150, quindi, ma può sommarsi ad altre misure come ad esempio, quello dell’auto assegnata in uso promiscuo al dipendente.
Nel caso si superasse la quota di €258.23 non è più fiscalmente conveniente lo strumento del buono regalo Cadhoc, ed è opportuna l'attivazione di uno strumento diverso, il portale Day Welfare.



Welfare aziendale per i metalmeccanici. La quota prevista è di 150 euro.


Iniziative di welfare aziendale si diffondono sempre più nelle imprese italiane, dopo l’introduzione delle agevolazioni fiscali della Legge di Bilancio 2016. Piani di welfare vengono implementati in aziende più grandi come in quelle più piccole, in quanto i benefici sono trasversali e riguardano tutti i lavoratori.
Sono 32542 i contratti che prevedono l’erogazione dei premi di risultato in welfare aziendale. In questo modo, i premi di risultato da riconoscere ai dipendenti sono totalmente detassati. Oltre a questa tipologia di piano di welfare e a quello su base volontaria da parte dell’azienda, ci sono le misure di welfare introdotte con i Contratti Collettivi Nazionali dei Lavoratori.
A fare da apripista è stato il CCNL Metalmeccanici del settore industria e dal 1°giugno partirà l’obbligo di adempimento del secondo contributo annuale di welfare. Il valore complessivo una tantum riconosciuto è di €150 per ogni dipendente. (Qui tutti gli altri CCNL che, come quello Metalmeccanico, prevedono quota di welfare nel 2018)
Chi ha diritto al contributo welfare?
Tempo indeterminato e tempo determinato (con almeno tre mesi di lavoro dall’inizio dell’anno, anche non consecutivi). Tutti i lavoratori in forza all’azienda metalmeccanica percepiranno i €150previsti.  Nel dettaglio, ogni azienda metalmeccanica dovrà provvedere ai lavoratori assunti dall'inizio di giugno 2018 o assunti entro il 31 dicembre 2018. Non ha diritto il personale in aspettativa non retribuita, né indennizzata nei mesi da giugno a dicembre. Collaboratori esterni o tirocinanti non hanno diritto al contributo.
I 150 euro previsti nel CCNL industria per le aziende metalmeccaniche non escludono l'introduzione di un piano di welfare. Si tratta di due misure diverse. Nel secondo caso, si beneficia di importanti vantaggi fiscali e si può implementare un piano di welfare con diverse modalità.
Un piano di welfare infatti prevede di mettere a disposizione beni e servizi per i dipendenti e le loro famiglie. Con un piano di welfare si migliora il clima aziendale e si attivano vantaggi fiscali sia per l’azienda che per il lavoratore. Anche i Premi di Risultato possono essere convertiti in welfare aziendale.
Uno dei provider più attivi nel settore, che ha iniziato la sua attività in Italia 31 anni fa è Day Gruppo UP. Già conosciuta per i suoi buoni pasto (molto diffusi e riconoscibili dal caratteristico colore verde), Day propone diversi servizi di benessere per i lavoratori e oltre al ticket buono pasto, il classico servizio sostitutivo di mensa, offre servizio di voucher shopping (Cadhoc) e il Welfare aziendale tramite portale digitale.
E proprio sul sito ufficiale Day Welfare sono specificate alcune nozioni sull’argomento che possono interessate tutti gli imprenditori che desiderano saperne di più sull’argomento welfare, benefici, sgravi fiscali e opportunità. Oltre alla lettura di alcune informazioni base, si può chiedere un confronto gratuito con uno specialista commerciale. A tal proposito, Day ha messo a disposizione una form per potersi registrare sul sito.
Day ha affrontato anche la questione del contributo welfare CCNL Metalmeccanico di €150. La quota prevista non è trattabile o derogabile. È compito delle aziende scegliere la soluzione ideale, che risponde alle esigenze dei dipendenti. Il Contratto Collettivo non indica, infatti la misura specifica da adottore, lasciando libere le imprese di decidere.
Bisogna quindi orientarsi verso una soluzione pratica ed economica, ma anche vantaggiosa per i beneficiari, quindi i lavoratori. La ratio della misura, infatti è quella di dare un contributo concreto che risponda a tutti i bisogni degli aventi diritto.
Attenzione, per buoni spesa non si intendono assolutamente buoni pasto, che rispondono ad una normativa differente e che possono essere già presenti in azienda. Il contributo welfare di €150 non è economico e non si aggiunge allo stipendio in busta paga. Il fringe benefit ideale è il buono shopping Cadhoc, strumento versatile che può rispondere alle esigenze di ogni tipologia di dipendente.
Si presenta sotto forma di carnet di buoni personalizzati, spendibili presso le più importanti catene di negozi nazionali o negli e-commerce più popolari. Cadhoc è un buono per fare la spesa, acquistare tecnologia, arredamento, abbigliamento, prodotti di profumeria, ecc. Inoltre, può diventare buono carburante o voucher albergo.
È esente da IVA, ma l'importo nel corso dell'anno non può superare la soglia di esenzione di 258,23 euro. Rientra pienamente nella quota welfare di €150, quindi, ma può sommarsi ad altre misure come ad esempio, quello dell’auto assegnata in uso promiscuo al dipendente.
Nel caso si superasse la quota di €258.23 non è più fiscalmente conveniente lo strumento del buono regalo Cadhoc, ed è opportuna l'attivazione di uno strumento diverso, il portale Day Welfare.



venerdì 18 maggio 2018

Al via la sesta edizione del Roma Web fest

Dal 28 al 30 Novembre presso La casa del cinema di Roma.

Torna il primo e più importante festival, dedicato all’audiovisivo webnativo e al mondo dell’innovazione, che promuove i millennials.
Anche quest’anno ci aspettano 3 giorni dedicati all’industria dell’immagine con web serie, fashion film, viral video, cortometraggi, influencer, videogiochi e i più innovativi prodotti di realtà aumentata e virtuale. Il Roma Web Fest è ormai consacrato come motore di creatività che permette alle aziende di conoscere i nuovi talenti per introdurli nella filiera produttiva in Italia e all’estero.

E’ stato, dunque, pubblicato sul sito del Roma Web Fest (https://www.romawebfest.it) il bando per partecipare alla sua sesta edizione. Da domenica 13 maggio fino al 30 Settembre 2018 è possibile iscriversi al concorso.

Il bando presenta alcune novità rispetto alle edizioni precedenti, in quanto alle sezioni web serie, puntate pilota e cortometraggi, sono stati aggiunti i prodotti di realtà virtuale e  aumentata. In questo modo viene data la possibilità di partecipare alla rassegna con i nuovi formati audiovisivi che stanno cambiando il modo di raccontare storie e di apprendere. Importanti partnership con il mondo della branded economy, con televisioni e produzioni cinematografiche renderanno indimenticabile un’edizione che si svolgerà dal 28 al 30 novembre presso La Casa del Cinema.

Diretto da Janet De Nardis, sua ideatrice, il Roma Web Fest vanta importanti partnership internazionali (tra cui Los Angeles, Korea, Rio De Janeiro, Melbourne, Marsiglia, Berlino e molte altre) che ogni anno regalano ai primi classificati l’opportunità di partecipare alla selezione finale nei Paesi promotori dell’iniziativa come accadrà per “Super Italian Family” che, grazie al volo e all’alloggio offerto dal festival, volerà a Rio De Janeiro per la finale. Ma tra i tanti prodotti promossi dal festival ricordiamo Romolo + Giuly, vincitore del premio Movieland, che presto sarà una serie tv, I Licaoni vincitori del premio Sky e talenti come Ivan Silvestrini, oggi al cinema con “Arrivano i prof” o Vincenzo Alfieri vincitore di un nastro d’argento con “I peggiori”. Ma sono davvero tanti i casi di successo che hanno trovato nel Roma Web Fest il punto di svolta, spesso anche grazie a importanti premi, messi in palio dalle aziende partner del festival, che vanno dai 500,00 Euro ai 20,000.00 Euro come nel caso della web serie AMI.

Promosso dal Mibact, dalla Regione Lazio e da altre importanti realtà come la Roma Lazio Film Commission, il Roma Web Fest, è l’evento che permette di stabilire un dialogo concreto tra il mondo dei filmmaker, youtuber e influencer con l’editoria e l’industria cinematografica, televisiva, pubblicitaria, musicale e di animazione. Festival di ispirazione per tutte le nuove rassegne che all’interno di contesti più tradizionali mirano ad intercettare le nuove tendenze.

Proprio perché i gusti e le opinioni del pubblico sono considerati fondamentali e imprescindibili, anche per quest’edizione è previsto il premio del “pubblico online”, e tutte le opere che vorranno partecipare a questa sezione potranno essere votate dagli utenti della rete dal momento dell’iscrizione fino al termine di chiusura del concorso.

Le iscrizioni si chiuderanno il 30 settembre 2018 e la selezione ufficiale verrà pubblicata entro il 15 Ottobre. Successivamente le opere finaliste verranno valutate da una Giuria Qualificata, costituita da rappresentanti di importanti produzioni e broadcaster, istituzioni e volti noti del mondo cinematografico e del web. I vincitori saranno annunciati durante la cerimonia di premiazione il 30 Novembre.

Come ogni anno durante il secondo giorno della manifestazione, il mondo internettiano si tingerà di glamour con una rassegna dedicata ai fashion film e un concorso la cui giuria sarà presieduta da noti personaggi del mondo della moda.

A rendere ancora più completa questa realtà, accanto a screening, workshop e panel, i creativi potranno avvalersi dell’opportunità di sedersi faccia a faccia con importanti produttori nazionali e internazionali nella sezione dedicata al mercato. Per questo sarà fondamentale inviare le proprie proposte inedite per la selezione ai Pitch.

Infine, il Roma Web Fest è il momento di incontro dal vivo con i beniamini del grande e del piccolo schermo. Un festival su misura per tutti, in cui sogno e realtà si confondono per lasciare spazio all’immaginazione, magari grazie all’ausilio dei visori che tutti potranno usare per sperimentare nuove emozioni.

mercoledì 16 maggio 2018

Giuseppe Milazzo Andreani, un produttore indipendente dalla carriera in ascesa


Al giorno d’oggi il business cinematografico è nelle mani delle grandi Major italiane ed internazionali che producono film costosi, con cast stellari e tanti effetti speciali.
Ma in mezzo a queste “grandi produzioni e distribuzioni” ci sono anche i film indipendenti realizzati a low budget ma con un impianto produttivo di grande dignità.
In Italia, soprattutto, cercano di emergere e farsi spazio produttori giovani e volenterosi che “lottano” per fare cinema di qualità con poche risorse economiche.
Uno tra questi è Giuseppe Milazzo Andreani, siciliano di nascita e romano d’adozione.  Laureato al DAMS, dopo gli studi, si è trasferito a Roma dove nel 2004 ha iniziato la sua carriera di attore e produttore. Da sempre amante del cinema è a capo della casa di Produzione Saturnia Pictures srl e dell’Azteca Produzioni Cinematografiche srl e cerca di portare avanti tutti i suoi progetti con grande passione e professionalità.
Attualmente Giuseppe Milazzo Andreani ha prodotto insieme con Domenico D’Ausilio e Alberto De Venezia (che è anche il distributore con Ipnotica produzioni), l’opera prima di Sasha Alessandra Carlesi dal titolo “Le Grida del Silenzio” nelle sale di tutta Italia dal 10 maggio. Un film di genere coraggioso e tecnicamente realizzato molto bene che rimescola le carte e strizza l'occhio ai grandi film realizzati con budget da capogiro. Dal 24 maggio, invece, sarà al cinema in veste di co-distributore insieme con De Venezia per il film “La settima onda” di Massimo Bonetti.
L'anno scorso, Milazzo Andreani che collabora con produzioni estere, ha realizzato il film internazionale dal titolo “Deprivation” uno sci fi diretto da Brian Skiba con Gianni Capaldi, Dominique Swain, William McNamara e Costas Mandylor; Attualmente e in fase di finalizzazione anche l’altro film che sarà distribuito ad ottobre 2018 dal titolo “The Follower” diretto da Vincenzo Petrarolo con Hal Yamanouchi, Andrea Scarduzio e Jennifer Mischiati.

L’esperienza di Andrea Sutto in campo finanziario

Appassionato di mercati azionari e professionista operativo in campo finanziario, Andrea Sutto ha all'attivo numerose esperienze formative e lavorative all'estero.
Andrea Sutto

Il percorso di studi di Andrea Sutto

Dopo la fine del percorso di studi superiori, conclusosi con il diploma di maturità scientifica bilingue, Andrea Sutto decide di specializzarsi in ambito finanziario. Classe 1993, si iscrive all'Università Luigi Bocconi, dove consegue nel 2015 la Laurea in Scienze Economiche. Prosegue sempre qui il proprio impegno formativo ottenendo due anni più tardi il Master in Finance con una tesi dal titolo "Is it possible to find investment and arbitrage opportunities on single stocks using Google Trends to predict stock returns?", seguito nella discussione dai prof Maspero - controrelatore - e Guidolin - relatore. Duranti gli anni di studio accademico Andrea Sutto passa diversi periodi all'estero, dove ha modo di approfondire sia le proprie competenze linguistiche, sia le proprie competenze in ambito finanziario. Frequenta per un trimestre, da settembre a dicembre del 2014, la Facoltà di Economia della University of Victoria, Canada, e la Szkoła Glowna Handlowa SGH - Warsaw School of Economics di Varsavia, Polonia (febbraio - giugno 2017).

Le esperienze professionali di Andrea Sutto

I periodi trascorsi al di fuori dall'Italia sono un'importante esperienza per Andrea Sutto . Lo specialista in campo finanziario coglie in tal senso l'occasione di sviluppare la conoscenza delle lingue straniere, estesa all'inglese, allo spagnolo e al francese. Idiomi che non utilizza solo nel corso dei mesi in cui frequenta l'University of Victoria e la Warsaw School of Economics, bensì mette a frutto anche durante l'esperienza professionale che lo porta a viaggiare da Madrid ad Hong Kong. Tra il giugno e il settembre del 2016 Andrea Sutto collabora infatti con una società attiva nel mondo del Private Equity e del Venture Capital. Incarico che lo porta ad occuparsi così di reporting e research per il settore Fintech, documentazione marketing per i clienti, analisi di competitor e investimenti in cryptovalute. In seguito, tornato in Italia, a partire dal settembre del 2017 inizia una nuova avventura professionale presso un istituto di credito: qui svolge attività di Pricing di titoli a reddito fisso. La passione, lo studio e il mondo del lavoro hanno contribuito a fargli visitare, sino ad oggi, oltre 15 paesi. Tra questi la Cina, la Spagna, il Canada e la Polonia.

Un nuovo modo di concepire la vendita: addio venditori, benvenuti Mirror Expert




L’azienda rodigina introduce un innovativo percorso di formazione per i propri venditori, finalizzato a migliorare il benessere dei clienti attraverso tecniche di comunicazione di intelligenza emotiva, dando vita così ad una nuova figura, il Mirror Expert.


Pavanello Serramenti continua la sua missione di innovazione del mondo degli infissi, investendo sempre più nella formazione dei venditori. Nel corso del 2018 infatti si terrà un percorso di formazione in due tappe che ha l’obiettivo di formare i venditori a migliorare la comprensione delle esigenze dei clienti prima che a vendere, mettendosi nei panni degli stessi e proponendo così soluzioni sempre più personalizzate ed efficaci.

Il percorso sarà tenuto da Daniel Gasparetti, National Sales Manager della Pavanello Serramenti, e si articolerà in due tappe: la prima dedicata alla Comunicazione Consuasiva® in cui si introdurranno tecniche di comunicazione brevettate, sistemi di vendita etica e strumenti per comprendere rapidamente le reali necessità del cliente. La seconda tappa sarà dedicata al Neuromarketing: si tratta dell’applicazione pratica dell’intelligenza emotiva e ne verranno descritte in dettaglio le principali caratteristiche, i vantaggi per entrambe le parti e il modo in cui questa tecnica viene applicata al mondo dei serramenti.

Questo percorso portato avanti dalla Pavanello Serramenti ha l’obiettivo di formare gli attuali venditori per dare vita ad una nuova figura professionale: il Mirror Expert. Si tratta di un’evoluzione del venditore tradizionale che rispecchia e anticipa il cambiamento nel processo d’acqusito dei clienti.

Pavanello Serramenti ha compreso che nel mondo di oggi non è più sufficiente formare i venditori a essere “semplicemente” dei bravi venditori, ma è necessario offrire ai clienti finali qualcosa di più. Il compito del Mirror Expert è proprio questo: comprendere realmente il cliente, rispecchiare le sue esigenze e problematiche per immedesimarsi in lui e renderlo felice prima, durante e dopo la vendita attraverso un’esperienza d’acquisto unica.

Il percorso di formazione di Pavanello Serramenti è finalizzato dunque proprio alla creazione di questa nuova figura attraverso i concetti di Comunicazione Consuasiva®, Neuromarketing e la loro specifica applicazione al mondo dei serramenti, in linea con la mission dell’azienda rodigina: trasformare il semplice acquisto in una vera e propria esperienza d’acquisto, completamente immersa nel mondo Pavanello Serramenti.


Francesco Pastoressa
Ufficio Stampa L’Ippogrifo®
Tel. +39 040 761404
www.ippogrifogroup.com

lunedì 14 maggio 2018

Grandi ospiti alla cerimonia di premiazione del VIII° Concorso Nazionale di Musica “San Vigilio in…Canto”: Gigi Miseferi e Luca Mele


 L’Associazione Culturale Sperimentiamo arte, musica, teatro, come di consueto ha dato il via alla cerimonia di premiazione del VIII° Concorso Nazionale di Musica “San Vigilio in…Canto".
Il Concorso dedicato alla Musica è rivolto a tutte le scuole Primarie, gli Istituti Secondati di 1° e 2° grado, i Licei musicali, i Conservatori di musica e le Associazioni Culturali Musicali ed ha come obiettivo di stimolare l’interesse, la pratica e la diffusione della musica tra i giovani, favorendo la diffusione e lo scambio delle esperienze musicali maturate negli anni. La cerimonia di premiazione si è tenuta domenica 13 maggio a Roma. A decretare i numerosi vincitori è stata una commissione composta da Loredana Ripepi, Monica Tenev, Tiziano Carone, Franco Todde, Mauro Marchetti e dal Presidente di commissione Antonio Vignera. Tra i vari vincitori è da segnalare Simone Vettone che ha vinto il primo premio assoluto con 100/100. Ospite musicale è stato il cantautore Luca Mele che ha deliziato gli ospiti presenti con il brano “Eternità”, canzone tratta dal suo primo romanzo che porta lo stesso titolo. Anche quest’anno è stato assegnato il “Premio Mousikè”, giunto alla sua seconda edizione, consegnato all’attore, autore e regista Gigi Miseferi, noto per la sua lunga carriera teatrale e televisiva, lo ricordiamo al “Bagaglino” come comico e, tra i tanti lavori, nella fiction di Rai Uno “La Mossa del cavallo”.


Da Segnalare anche il Concorso dedicato alla Poesia, aperto sia agli studenti che agli adulti di ogni età. Dovranno presentare un testo di 36 versi su un tema libero ed inedito. Tra i vari premi che saranno dati, sarà conferito anche il Premio Speciale “Cristiana Cafini” al vincitore assoluto del concorso.
La cerimonia di premiazione si terrà a Roma sabato 23 giugno.

Tutti i bandi completi per partecipare sono a disposizione sul sito: www.sperimentiamo.it
Per ulteriori info: Ass.Cult.”Sperimentiamo Arte Musica Teatro – Tel. 333 4080635 –  06. 45435985 info@sperimentiamo.it