venerdì 28 aprile 2017

Tiziana Rocca presenta il suo nuovo corso "La Fabbrica degli Eventi"




Si svolgerà il 13 e 14 maggio al Cocoricò di Riccione “La Fabbrica dei Leader”, un progetto ideato da Luigi Crespi che vede, come coach di punta, Tiziana Rocca una delle più grandi Event Manager a livello Nazionale.
A “La Fabbrica dei Leader”, Tiziana Rocca parlerà davanti ad un pubblico di circa 600 giovani e anticiperà loro il suo nuovo corso di comunicazione, giunto alla sua 15^ edizione, che partirà dal prossimo settembre con una veste totalmente nuova. Tutti i segreti del mestiere saranno svelati in un work shop di due giorni full immersion che si svolgerà nella Capitale: dall’ideazione di un progetto alla produzione, dal creare un evento di successo alla sua divulgazione fino ad arrivare a come gestire le pubbliche relazioni ed a “fabbricare” eventi speciali che restino impressi nell’immaginario collettivo.
Con più di vent’anni di esperienza alle spalle nel settore delle pubbliche relazioni, Tiziana Rocca non ha solo organizzato eventi importanti, ma si è dimostrata anche un’attenta produttrice di film, cortometraggi, documentari e libri realizzando, con la sua società, ottimi prodotti che sono stati presentati anche a Festival importanti come la Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia o come la Festa del Cinema di Roma.
Tiziana Rocca, è stata anche per cinque anni, Direttore Generale del TaorminaFilmFest, un successo riconosciuto anche all’estero, non solo per aver riportato il festival ai suoi antichi splendori ma, anche per aver messo in atto una collaborazione tra pubblico e privato: una formula del tutto innovativa che, allo stato attuale, permette di continuare a mantenere in vita iniziative culturali di livello e di ingente investimento.
Inoltre è anche Direttore Generale del Premio Kinéo "Diamanti al Cinema" il famoso riconoscimento del pubblico al cinema italiano, il cui evento finale si celebra da sempre alla Mostra del Cinema di Venezia.
Tiziana Rocca è la prima Event Manager ad aver ideato e prodotto tutti i suoi eventi come un vero ed efficace strumento di marketing riuscendo a rilanciare Festival, Brand, Location, Prodotti e facendoli tornare al centro dell’attenzione del grande pubblico con una rinnovata immagine più accattivante, glamour e di grande successo. Non dimentica mai, però, il Sociale; A tutti i suoi eventi, infatti, il fil rouge è sempre la solidarietà che diventa grande protagonista di tutte le sue serate.

giovedì 27 aprile 2017

Cerchi pellicole per auto? Scegli le pellicole per vetri di Window Tint Car, per un’auto bella e protetta

Window Tint Car da oltre 10 anni si occupa di vendita online di kit pre tagliati di pellicole per auto. Applicarle sui vetri è semplicissimo, scegli la protezione adeguata per la tua vettura e per te.

Quante volte hai desiderato delle pellicole per i vetri della tua auto, soprattutto nelle calde giornate d'estate, in cui i raggi solari provocano calore e possono essere pericolosi a causa del riverbero della luce da essi provocato.
Window Tint Car, del gruppo Puntoglass, ti offre la soluzione semplice, rapida ed economica proponendoti una vasta gamma di pellicole oscuranti per la tua auto.

pellicole vetri

Perché utilizzare pellicole per auto? Scoprilo con Window Tint Car

Forse non ci hai mai pensato, ma i vantaggi che l'utilizzo di pellicole per i vetri portano sono tantissimi.
Uno dei più importanti è la salvaguardia della tua salute. Le pellicole di Window Tint Car bloccano il 99% di raggi UV, pericolosi per pelle e occhi e limitano l'abbaglio provocato dalla luce solare, causa di un altissimo numero di incidenti su strade e autostrade.
Da non sottovalutare è l'importante vantaggio economico, infatti lo speciale materiale di cui le pellicole di Window Tint Car sono composte riduce il calore fino al 78% prolungando la vita di condizionatore e impianti di raffreddamento, con conseguente riduzione del consumo di carburante e scolorimento degli interni.
Dai una veste nuova alla tua vettura, la gamma di modelli e colori proposta è vastissima, rendendo le pellicole di Window Tint Car non solo utili, ma anche belle.

Acquista le tue pellicole per auto con un click

E' possibile acquistare le pellicole per auto di Window Tint Car presso lo shop online.
Ti basterà selezionare la pellicola che più si addice alla tua auto e alle tue esigenze, effettuare il pagamento e in pochissimi giorni riceverai il kit direttamente a casa tua!
Il kit comprende tutto ciò che ti serve per installare le pellicole sui vetri della tua auto, con una spugna antigraffio, una spatola per l'installazione e un vaporizzatore.
Se per mancanza di tempo preferisci far effettuare l'installazione in un centro convenzionato potrai ricevere tutto il materiale presso la filiale a te più vicina; entro 24 ore sarai contattato per fissare un appuntamento per l'applicazione gratuita.
Con Window Tint Car è semplice e veloce: visita il sito, scegli la pellicola che più si adatta alla tua auto usando il simulatore, acquistala e installala!

LA COOPERATIVA AGRICOLA VALLI UNITE DI COSTA VESCOVATO E LE SUE ECCELLENZE

Parte della Redazione milanese della testata web Borghi d’Europa ha fatto una delle sue visite gustose in uno dei territori ricchi di patrimonio enogastronomico, come i Colli Tortonesi, precisamente presso la Cooperativa Agricola Valli Unite di Costa Vescovato (Al).
Questa Cooperativa è oggi cantina (con tanto di spaccio vendita), fattoria didattica, agriturismo che fa della ristorazione uno dei suoi punti di forza e struttura ricettiva per chi vuole immergersi totalmente nell’atmosfera dei Colli Tortonesi.
La storia di Valli Unite è basata sulla scelta fatta dai 3 Soci Fondatori e amici di dedicarsi all’allevamento negli anni ’70, quando questa pratica era molto rischiosa: una forte cultura dell’alimentazione sana e passione per il territorio unita a delle idee hanno fatto sì che Valli Unite vedesse la luce.
Oggi Valli Unite conta circa 30 persone che lavorano e vivono il territorio in maniera armoniosa: oltre ai vini (ottenuti da metodo rigorosamente biologico) e all’allevamento, spiccano la produzione di cereali da mangime e per alimentazione umana (grano, farro ed orzo) trasformati in farine, l’apicoltura con vendita di miele, la produzione di salumi con carni suine e la vendita di carne bovine di razza piemontese.
I comunicatori di Borghi d’Europa, prima della visita alla Cantina e alla spaccio vendita, hanno potuto soddisfare i propri palati a pranzo con un antipasto di salame cotto, salame al pepe e pancetta stagionata, con un succulento primo di agnolotti al sugo di stufato di manzo ed un secondo piatto di stufato di manzo e carotine cotte, abbinate al Bianco “San Vito”, una Doc di uve Timorasso selezionate del 2014.
Come vini infatti Valli Unite produce il famoso bianco autoctono Timorasso (riscoperto come vitigno grazie a un’intuizione geniale di Walter Massa) in tre versioni, poi lo spumante di uve Cortese “Allegretto”, il Bianco fermo di Uve Cortese e un Rosato, mentre come rossi spiccano la Barbera,assaggiato dai giornalisti a Livewine allo stand di Valli Unite, la Croatina e il Dolcetto.
La giornata si è rivelata davvero proficua per i giornalisti nella loro visita gustosa, perché hanno potuto toccare con mano da vicino come si lavora bene un territorio e lo si valorizza in tavola e non.


Scade il 6 maggio il bando per la 9^ edizione del concorso di Poesia "Giugno di San Vigilio"




L’Associazione Culturale Sperimentiamo arte, musica, teatro ricorda che è in corso la 9^ edizione del concorso nazionale di Poesia “Giugno di San Vigilio”.
Il Concorso dedicato alla Poesia è aperto sia agli studenti che agi adulti di ogni età. Dovranno presentare un testo di 36 versi su un tema libero ed inedito. Tra i vari premi che saranno dati, sarà conferito anche il Premio Speciale “Cristiana Cafini” al vincitore assoluto del concorso. Sarà inoltre consegnato il Premio Speciale per la musicalità: le poesie scelte per la musicalità saranno messe in musica dal M° Tullio Visioli ed eseguite in prima assoluta durante la premiazione della X edizione dello stesso concorso. Il Presidente di giuria sarà il poeta Alberto Toni. Le poesie vincitrici saranno anche pubblicate nel 3° volume del libro intitolato “Giugno di San Vigilio”. Da segnalare anche un premio speciale riservato agli studenti delle scuole appartenenti ai tre paesi maggiormente colpiti dal terremoto: Accumoli, Amatrice e Arquata del Tronto; un’iniziativa che nasce come supporto per la continuazione degli studi ma soprattutto per la valorizzazione dei giovani talenti.
Gli elaborati dovranno pervenire entro il 6 Maggio 2017 (fa fede la data riportata sul timbro postale) al seguente indirizzo: Ass. Cult. “Sperimentiamo Arte Musica Teatro” c/o  Parrocchia di San Vigilio, Via Paolo Di Dono 218, 00142 Roma. Occorre indicare sulla busta: IX Edizione Concorso Nazionale di Poesia “Giugno di San Vigilio” e la categoria per cui si concorre.
La cerimonia di premiazione si terrà a Roma sabato 3 giugno.
Per info: Ass. Cult. “Sperimentiamo Arte Musica Teatro” Tel. 333-4080635,  info@sperimentiamo.it oppure su  www.sperimentiamo.it

Infissi e sicurezza: ecco le caratteristiche da considerare per acquistare finestre inespugnabili

Intervista a Marco Pavanello sulla sicurezza degli infissi

Con il costante aumento della criminalità e i piccoli furti in casa, sempre più famiglie desiderano sentirsi al sicuro essendo certe di avere una casa “a prova di ladro”. Una delle preoccupazioni maggiori sono le entrate principali di una casa, le porte e le finestre.

In particolar modo i serramenti in legno, pur avendo molti pregi, nell’immaginario comune sono più fragili e più facilmente violabili da un eventuale tentativo di effrazione. Infatti, siamo sempre stati portati a pensare che il legno sia un materiale debole, poco resistente, insomma il perfetto incentivo per il malvivente di turno. Ma è davvero così?


Partiamo con una premessa. Dalle statistiche, emerge che i maggiori furti avvengono tra le 12.00 e le 20.00. Più dell’80% degli scassinatori passa dalle finestre.



Come avviene lo scasso?

Siamo portati a immaginare il tipico ladro che utilizza un piede di porco per forzare la finestra, o additittura per infrangerne il vetro: nulla di più lontano dalla realtà. Secondo le statistiche, i ladri entrano dalle finestre utilizzando dei piccoli arnesi, come semplici cacciaviti. Per la precisione quasi il 70% degli scassi alle finestre avviene con cacciaviti con lama di lunghezza tra i 6 e i 12mm.
Quali sono gli elementi che vengono presi di mira?

Principalmente vediamo come il telaio sia l’elemento più gettonato dai malviventi, seguito dalle finestre posizionate a ribalta e la rottura del vetro o la rotazione della maniglia.


1.       Sentiamo cosa ne dice Marco Pavanello, Direttore Commerciale della Pavanello Serramenti

A fare la differenza sono le proprietà intriseche del legno, che permettono all’infisso di resistere efficacemente e di essere durevole nel tempo.
Ma non è solo il materiale (legno, alluminio o PVC) a determinare la resistenza del serramento, bensì anche le ferramenta che giocano un ruolo fondamentale nel fattore sicurezza di una finestra.
Le ferramenta non sono altro che tutte le parti metalliche dell’infisso che tengono unite anta e serramento. Ricordiamo che secondo le statistiche i ladri utilizzano dei cacciaviti per scardinare proprio le ferramenta. Di conseguenza, solamente agendo su questo elemento è possibile escludere la maggior parte dei malintenzionati, ovvero tutti coloro i quali utilizzano piccoli arnesi per manomettere le finestre.
In Pavanello Serramenti utilizziamo le ferramenta antieffrazione Maico, certificate con il marchio di qualità RAL, che garantiscono un’apertura confortevole dall’interno, garantita per oltre 10.000 aperture senza difetto (2 aperture al giorno per 14 anni), ma anche una notevole resistenza alle sollecitazioni esterne. Non solo: Pavanello Serramenti è l’unica azienda italiana ad utilizzare per tutti i propri prodotti i meccanismi con trattamenti TRICOAT (Maico), che permettono di garantire le ferramenta per 15 anni. Si tratta di meccanismi potenziati con 3 strati protettivi che consentono di preservare le ferramenta anche nelle condizioni più estreme. Ciò si rivela un vantaggio per la sicurezza: il TRICOAT infatti non si ossida, mantenendo le ferramenta stabili e durature nel tempo, garantendo così la stessa sicurezza del prodotto appena acquistato anche dopo anni.

2.       Un privato che vuole acquistare dei serramenti per sentirsi più protetto nella propria abitazione come può effettuare la sua scelta? Quali sono le caratteristiche da tenere presenti riguardanti la sicurezza di un serramento?

Sono tre gli elementi da tenere in cosiderazione per scegliere un infisso sicuro: materiali, assemblaggio e installazione. I materiali devono essere di qualità e certificati secondo i più recenti standard del settore, al fine di garantire non soltanto la resistenza degli infissi alle intemperie e al tempo, ma anche la loro robustezza in caso di effrazioni. Nel caso dell’assemblaggio è necessario assicurarsi del corretto montaggio delle parti che costituiscono l’infisso in sede di creazione. Anche se questo parametro dipende molto dai processi produttivi, dalle tecnologie e dalla manodopera proprie dell’azienda costruttrice, è facile assicurarsi della qualità degli infissi anche presso i vari rivenditori. Il terzo fattore da considerare è quello relativo all’installazione. Spesso questo è uno dei punti più critici e meno considerati quando si parla di infissi: molte volte infatti l’installatore non è della stessa ditta dell’infisso o in altri casi non conosce nel dettaglio tutte le caratteristiche e le funzionalità della finestra in questione. Di conseguenza, spesso si può incorrere in problemi più o meno gravi, che possono andare da una vite traballante fino a cedimenti o rotture di elementi che in realtà sono studiati per essere garantiti anni. In Pavanello lo sappiamo e abbiamo studiato una soluzione: gli infissi vengono installati da personale selezionato e formato direttamente da Pavanello Serramenti. In questo modo, oltre a garantire la corretta procedura di installazione dell’infisso, è stato possibile ottimizzare i tempi e ridurre a zero gli eventuali problemi legati all’installazione dell’infisso nella casa o nell’appartamento.
In Pavanello offriamo tre gradi di sicurezza: sicurezza di base, sicurezza con ferramenta AHS e sicurezza CR2.

1 - Sicurezza di base
Pavanello usa già di base una sicurezza antieffrazione. Infatti, per costruire finestre che proteggano dagli scassinatori non serve cambiare meccanismi, perché tutti i punti di chiusura della ferramenta Multi-Matic (utilizzate dagli infissi Pavanello) sono già dei meccanismi di tipo a “fungo” autoregolante. In questo modo la testa dei funghi si incastra negli scontri di sicurezza sul telaio e ne ostacola di conseguenza lo scardinamento.

2 - Sicurezza con ferramenta AHS
Come step ulteriore, Pavanello offre serramenti che sfruttano la ferramenta certificata RAL a 200 e 300Nm: sono dei valori che corrispodono a scassi provocati rispettivamente da un cacciavite con lama larga da 8 e da 14mm (quindi come visto in precedenza in grado di prevenire il 70% degli scassi).

3 - Sicurezza CR2
L’80% degli scassi avviene sul telaio. Come proteggere anche dal restante 20%?
Pavanello possiede la certificazione CR2, che certifica l’intera finestra: non solo ferramenta, ma anche assemblaggio, installazione, vetro e maniglie a prova di ladro.

Ma spesso avere una finestra a prova di ladro non basta: per una sicurezza in più è possibile collegare l’infisso ad un sistema di allarme. Pavanello Serramenti offre due tipologie di allarmi.
I kit a sorveglianza d’apertura e quelli a sorveglianza di chiusura.

Il primo è il classico allarme che viene attivato quando l’anta lascia il telaio, ma presenta una serie di limiti. Ad esempio, se l’anta della finestra è aperta ma appoggiata al telaio, l’allarme non scatta (questo perché la parte magnetica dell’allarme è montata sull’anta ed è quindi fissa).
Il secondo kit è più evoluto e supera il limite dell’allarme a sorveglianza d’apertura. La sorveglianza di chiusura è progettata in modo da far scattare l’allarme quando si aziona la maniglia (cioè quando la ferramenta si muove). Con questo tipo di allarme non è possibile “ingannare” il sensore in quanto l’allarme può scattare anche con l’anta chiusa ma con la maniglia aperta.

3.       Come verificate l’effettiva resistenza dei vostri serramenti ai tentativi di scasso?
In Pavanello Serramenti siamo molto attenti al tema della sicurezza: proprio a questo proposito abbiamo studiato diversi test che ci permettono di analizzare la resistenza e la durabilità di tutti i nostri serramenti sia in caso di intemperie sia in caso di tentativi di effrazione (per tutte le finestre certificate CR2). Nel nostro stabilimento effettuiamo dei test rigorosi, scientifici e precisi per controllare diversi parametri degli infissi e delle loro parti simulando molti scenari avversi – dai danni provocati dalle intemperie fino ai tentativi di scasso veri e propri. Ci accertiamo che tutti i materiali utilizzati e testati in laboratorio mantengano le stesse caratteristiche anti-effrazione anche a distanza di anni, in modo che gli eventuali malintenzionati facciano la stessa fatica che farebbero su un infisso appena montato.
Le ultime collezioni (tra cui Sinthesi 2.0) vantano livelli di sicurezza nettamente superiori a quelle passate. Lavoriamo costantemente per studiare i nostri prodotti e renderli il più sicuri possibili affinché i nostri clienti possano essere sempre un passo avanti ai ladri. Dormire sonni tranquilli non dovrebbe essere un optional, soprattutto quando si parla di finestre: esse sono i nostri occhi sul mondo, e proprio per questo è necessario essere certi della loro sicurezza. Sempre.

Francesco Pastoressa
Ufficio Stampa L’Ippogrifo®
Tel. +39 040 761404
www.ippogrifogroup.com