domenica 22 gennaio 2017

Gli ebrei del I sec. non credevano nella risurrezione corporale


sindonePerché la Chiesa primitiva ha applicato la parola “risurrezione” a Gesù? La domanda si pone perché non esisteva la concezione della risurrezione corporale ed individuale tra gli ebrei suoi contemporanei. La risurrezione per loro sarebbe accaduta a tutti i giusti alla fine del mondo, non prima di essa.
Uno tra i principali studiosi del Nuovo Testamento del mondo anglosassone, N.T. Wright, alla fine di una vasta indagine sul pensiero del popolo ebraico, e non solo, del primo secolo, ha proprio verificato tutto ciò: l’idea di una risurrezione del corpo era per loro impossibile e inconcepibile«A differenza dei greci e dei romani», ha scritto N.T. Wright, «la morte non era vista dai Giudei....

CONTINUA SU: http://www.uccronline.it/2017/01/22/la-risurrezione-di-gesu-evento-inconcepibile-per-gli-ebrei-del-primo-secolo/

I numeri dell'Anno Santo della misericordia: un successo

Il 20 novembre 2016 si è chiuso l’Anno Santo straordinario, indetto da Papa Francesco l’8 dicembre 2015 per spronare ad una «nuova evangelizzazione», considerando che è «determinante per la Chiesa e per la credibilità del suo annuncio che essa viva e testimoni in prima persona la misericordia».
In questo articolo vorremmo affrontare un aspetto molto meno interessante rispetto al grande evento spirituale che è stato, concentrandoci su un particolare più materialistico: i numeri. Siamo portati a farlo ritenendo necessaria una correzione rispetto a ciò che abbiamo letto su alcuni media.
Fin da subito c’è chi si è affrettato a parlare di flop, come il Secolo d’Italia. Lo stesso quotidiano online, diretto da Italo Bocchino, ex deputato di Alleanza Nazionaleha scritto alla chiusura dell’Anno Santo: «è stato un flop clamoroso. Contrariamente alle rosee previsioni rilasciate dagli organizzatori e dal Censis, che parlavano di 33 milioni di visitatori, il numero va quasi dimezzato». A parlare di 30 milioni non sono stati gli organizzatori: mons. Rino Fisichella, presidente del Pontificio consiglio....



CONTINUA SU: http://www.uccronline.it/2017/01/22/giubileo-2016-successo-anche-nelle-presenze-altro-che-flop/

Donald Trump è un pro-life?

eletto trump casa biancaIl fatto che a poche ore dall’insediamento il presidente Donald Trump abbia già dato mandato alle agenzie governative di congelare l’Obamacare -la riforma sanitaria che, tra le altre cose, vieta l’obiezione di coscienza e impone anche alle istituzioni religiose di finanziare aborto e contraccettivi ai dipendenti-, è un segnale significativo. Così come la sparizione della sezione Lgbt dal sito web della Casa Bianca.
Se il fallimento totale di Hillary Clinton è stata una benedizione per il mondo intero e per quello cattolico (il 52% di esso ha votato Trump, secondo i sondaggi scegliendolo come “male minore”), lo stesso non si può ancora dire della vittoria del “tycoon”. E’ un personaggio oggettivamente controverso...

CONTINUA SU: http://www.uccronline.it/2017/01/21/caro-presidente-trump-rispetterai-le-promesse-pro-life-e-pro-famiglia/

Quel razzista e antisemita di Voltaire, padre dell'illuminismo

voltaire tolleranza

di Francesco Agnoli*
*scrittore e saggista
da LaVerità, 17/01/17

Citarlo fa ancora chic nonostante siano passati più di due secoli dalla morte. Lo faceva Dacia Maraini, in uno dei suoi tanti distillati, sussiegosi, infarciti di luoghi comuni in relazione a un attentato terroristico a Parigi, per rintracciare nella tanto decantata tolleranza di Voltaire (1694-1778) l’antidoto alla violenza delle religioni.
Scriveva la Maraini, tra l’altro: «A un civile e savio relativismo (quello di Voltaire, ndr) e a un’umana e tollerante convivenza, c’è chi sente il bisogno di contrapporre la fedeltà a un Dio antico e dispotico» (Corriere della Sera, 27/11/15). Peccato che la tolleranza relativista ....

CONTINUA QUI http://www.uccronline.it/2017/01/21/voltaire-il-tollerante-razzista-e-antisemita/

La velocità d'espansione dell'Universo è calibrata finemente per la vita

terraIl canonico cattolico Nicolò Copernico ebbe il grande merito di ribaltare l’idea secondo cui la Terra si trovava fissa al centro dell’Universo. La sua scoperta viene ancora oggi più volte citata in ambito filosofico-nichilistico per promuovere l’approccio riduzionistico all’esistenza, partendo dal delegittimare l’importanza del nostro pianeta, in orbita attorno a un Sole piuttosto piccolo, collocato in uno dei bracci a spirale di una galassia piuttosto tipica (e, secondo i fautori del multiverso, inserito perfino in un universo qualunque).
Eppure il quadro straordinario che a poco a poco sta emergendo dalla fisica e dalla cosmologia moderna mette seriamente in discussione il tentativo nichilistico. Il nostro Universo, ci dice oggi la scienza moderna, è quello le cui forze fondamentali risultano essere finemente regolate affinché possano.

CONTINUA SU: http://www.uccronline.it/2017/01/20/la-costante-cosmologica-calibrata-per-la-vita-qualcuno-ci-aspettava/

Violenza contro le donne, la famiglia tradizionale è un luogo sicuro


di David Quinn*
*giornalista dell’Irish Independent
da Mercatornet.org, 24/11/16

Recentemente si è tenuto un convegno a Dublino per cercare il modo di ridurre la violenza contro le donne e i bambini. Un problema che non potrà essere risolto se si continua a sostenere un collegamento con la struttura familiare.
La giornalista femminista Olivia O’Leary ha avvertito che «i valori della famiglia tradizionale nascondono una grande quantità di crudeltà». Questo è un argomento molto delicato, ma è lo stesso atteggiamento che ha portato le autorità inglesi di Rotherham e Rochdale a coprire la violenza sessuale e lo stupro di ragazze bianche, spesso minorenni, da parte di uomini


CONTINUA SU: http://www.uccronline.it/2017/01/20/femminicidio-il-matrimonio-e-protezione-per-la-donna/

La rivincita di Collette Divitto, ragazza affetta da sindrome di Down

Sindrome di Down e pasticceraRespinta da tutti, scartata. Anche Collette Divitto ha sperimentato sulla sua pelle l’insofferenza che la società odierna, fintamente moderna e civile, prova verso ciò a cui non sa più stare di fronte: la morte, la sofferenza e la disabilità.
Collette è una giovane ragazza americana di 26 anni, affetta da sindrome di Down, ma anche di una tenacia e perseveranza fuori dal comune. Ha sempre amato cucinare dolci e ha provato più volte a farne una professione, inutilmente. Si è proposta a tutte le pasticcerie di Boston, città in cui vive, offrendo i suoi dolci come campione, ma la porta in faccia era assicurata. In una società orientata al consumismo e all’efficienza, a cosa potrà mai servire una ragazza Down? E’ solo un intralcio...


CONTINUA SU: http://www.uccronline.it/2017/01/19/affetta-da-disabilita-e-scartata-da-tutti-oggi-ha-aperto-la-sua-pasticceria/